danza e scuole di ballo
LUCA RONCONI FIRMA PER LA PRIMA VOLTA UNA TURANDOT "NUDA" 8/24/2006
Sicuramente la Turandot che inaugurerà la Stagione del Teatro Regio martedì 10 ottobre lascerà il segno.

Per la prima volta il capolavoro di Puccini verrà proposto in una messa in scena volutamente “nuda”, per manifestare la gravità della situazione economica che ha colpito le fondazioni lirico-sinfoniche italiane dopo i tagli ai contributi statali degli ultimi anni. Luca Ronconi, giunto alla decima produzione al Regio, ha accettato la sfida di rappresentare Turandot senza allestimenti scenici e costumi, spingendo al massimo lo sforzo creativo della regia pura. Una sfida resa possibile dalla grande capacità creativa del regista, oltre che dalle potenzialità – tecnologiche e umane – di cui è dotato il Teatro Regio: ponti mobili, carrelli elevatori ed effetti di luce verranno massicciamente impiegati per creare giochi di volumi e le giuste atmosfere. Un grande impegno anche per i protagonisti: Luana De Vol, José Cura, Carmen Giannattasio e Askar Abdrazakov, chiamati a un’esecuzione musicale, se possibile, ancora più intensa del solito, diretta dal maestro cinese Lü Jia. Anche il Gruppo Fondiaria Sai, ha creduto nella sfida di mettere in scena una Turandot così particolare, tanto da rinnovare, per il terzo anno consecutivo, l’importante collaborazione per la serata inaugurale, consolidando sempre più l’impegno per il Teatro, di cui è Socio Fondatore, e per la Città di Torino, alla quale è unito da un forte legame storico.
torna a elenco news